Barzellette e battute sui preti

Don-MatteoEcco a voi una rassegna di Barzellette sui preti, sacerdoti o parroci che dir si voglia.
Soprattutto nei piccoli paesi, nelle piccole parrocchie di provincia, con delle comunità, nelle quali tutti si conoscono, i curati rappresentano dei personaggi sempre sotto l’occhio del ciclone. Sicuramente molte di queste battute e barzellette sui preti nascono da episodi di vita reale, andando a giocare e a scherzare sulle ovvie debolezze e sulle umane imperfezioni dei “ministri di Dio”. Del resto la Chiesa Cattolica, con il celibato e altre simili regole, molto più terrene che religiose non fanno altro che esporre i loro “luogotenenti” a critiche, ironie, satire, battute e barzellette.
In ogni caso dateci una mano ad arricchire questa rassegna e aggiungete le vostre alle nostre

Barzellette e battute sui preti

  • Si sta svolgendo il funerale di un prete. Quando la bara sta per essere chiusa e infilata nella tomba, domandano alla perpetua:
    – Vuole baciarlo prima di metterlo dentro?
    La donna, scoppiando in lacrime:
    – Me lo diceva sempre anche lui…
  • Sapete perché una suora non rimane mai incinta quando scopa con un prete?
    Ve lo dico io: perché gli spermatozoi si fermano a pregare nella cappella.
  • In un paesino, quando le persone si confessano, invece di dire al parroco che hanno tradito il/la compagno/a, dicono che sono caduti dalle scale.
    il vecchio parroco lo sapeva, quello nuovo no, così dopo che per una settimana sente tantissime persone dire di essere cadute giù per le scale, va dal sindaco e gli chiede di far aggiustare le scale in questione.
    Il sindaco, che conosce l’usanza del vecchio parroco, sorride e fa:
    – Ma no, che ha capito! Non si preoccupi, le scale del paese sono tutte sicure.
    Il nuovo parroco:
    – Sindaco sono pienamente convinto che sono pericolose: pensi sua moglie, solo in questa settimana, è caduta ben cinque volte!
  • Un giovane neolaureto in medicina torna a casa dal papà, anch’egli medico, per fare un po’ di pratica assieme a lui. Il padre, fiero della laurea del figlio, lo avverte:
    – Caro mio, la laurea ti serve per imparare le cose teoriche, ma è sul campo che si impara di più. Oggi mi seguirai nel mio giro quotidiano di visite e capirai.
    Si recano dalla prima persona che ha richiesto la visita a domicilio. Entrano in casa e vedono una donna malconcia sdraiata a letto. Il padre la visita e, nello scrivere due righe sul taccuino, gli cade la penna a terra. La raccoglie e dice alla signora:
    – Si riposi e smetta di fare i lavori di casa in modo così maniacale.
    Escono dalla casa e il figlio domanda al padre:
    – Come hai fatto a sapere che fa le pulizie in modo maniacale?
    – Semplice, quando ho fatto cadere apposta la penna per terra, nel raccoglierla mi sono accorto che non c’era un filo di polvere.
    Alla casa successiva il padre decide di far provare al figlio. Entrano in casa e c’è una donna a letto. Il giovane la visita e poi fa cadere anche lui la penna a terra.
    – Bene signora, stia tranquilla e non faccia per un po’ lavori per la parrocchia.
    Escono. A questo punto il padre domanda incuriosito:
    – Come hai fatto a sapere che fa troppi lavori per la parrocchia?
    – Semplice, quando ho fatto cadere la penna, nel raccoglierla ho visto il prete sotto il letto…
  • C’è un prete che deve fare una messa ma non si ricorda cosa deve dire allora lo aiuta un altro prete e si mette sotto la sua tunica; inizia la messa: “Ave o Maria piena di Grazia ecc..” poi il prete fa una puzzetta e il prete sotto la tunica dice: “minchia che puzza..” e tutti: “minchia che puzza!!”.
  • Un prete va su un motorino a 100 all’ora, quindi il carabiniere lo ferma e gli dice: “prete lei si deve mettere il casco quando sta in moto altrimenti può morire” e il prete gli risponde: “no, non mi può succedere niente perchè Dio è con me” e il carabiniere dice: “ahhh Dio è con lei?! allora le devo mettere la multa” e il prete domanda: “perchè?” e il carabiniere: “perchè non si va in due sul motorino”.
  • Un uomo va dal parroco:
    – Padre, ho un problema con due pappagalli. Sono femmine e sanno dire solamente questa frase volgare: “Siamo delle prostitute, vi volete divertire?”
    Ed il parroco:
    – Che orrore! Portatemi le vostre pappagalline: le metterò con i miei due pappagalli maschi, a cui ho insegnato a leggere la Bibbia e a pregare il Signore. In questo modo spero che le due pappagalline ritornino sulla retta via.
    Il giorno seguente l’uomo porta le due pappagalline al parroco, il quale le mette nella gabbia con i suoi due pappagalli. Le due pappagalline cominciano la conversazione dicendo:
    – Siamo delle prostitute, vi volete divertire?
    Uno dei due pappagalli dice all’altro:
    – Chiudi la Bibbia, le nostre preghiere sono state esaudite!
  • Tre prostitute si vanno a confessare. Va la prima e il prete le chiede: “Scopi ancora?” e lei risponde: “No, no…sono due mesi che non scopo più” e il prete le dà la chiave del Paradiso. Va la seconda e il prete le fa la stessa domanda e lei risponde: “Ormai è già un mese che non scopo più” e il prete le dà la chiave del Purgatorio. Va la terza e alla domanda del prete risponde dicendo: “Scopo ancora!” e il prete le dà la chiave di camera sua!!!
  • In un paesino, a causa della ristrutturazione del convento, una giovane suora è costretta a dormire nella stessa camera da letto del prete.
    Durante la prima notte lei fa:
    – Padre, ho tanto freddo…
    Il prete si alza dal letto, apre l’armadio, prende una coperta e la stende sopra la suora.
    Lei dice:
    – Padre, ho ancora freddo…
    Il prete si alza nuovamente dal letto, apre l’armadio, prende un’altra coperta e la stende sopra la suora.
    Dopo un po’ lei:
    – Padre, continuo ad avere freddo…
    – Mi scusi, sorella, ma ho come l’impressione che lei voglia fare come solitamente si fa tra marito e moglie…
    – Sì, sì, ha capito benissimo!
    – Allora alzati e vattela a prendere tu la coperta!
  • Un giorno un prete prima che iniziasse la messa corre in bagno a fare la cacca ma velocemente non si lavò bene le mani. Durante la comunione il prete consegnò le ostie alle persone e alla fine della messa un signore chiese al prete: “padre di cosa è fatta l’ostia?” e il prete rispose: “del corpo di Cristo!” e lui rispose: “allora a me è toccata la parte del culo”
  • – Padre, ho peccato. Ieri ho tradito il mio compagno col suo migliore amico… io credevo di amare il mio uomo, ma quando mi sono trovata sola col suo amico non ho resistito… sa, sono tanto volatile!
    – Volubile, figliola, volubile!
    – Ma non è finita! Poi è venuto l’elettricista per delle riparazioni, e io… io non ho potuto resistere. Sono convinta di amare il mio uomo, ma ci sono delle volte in cui non so, perdo la testa per qualcun altro… sa, padre, sono tanto volatile!
    – Volubile, figliola, volubile!
    – Vede, padre, c’è dell’altro… poi sono andata a lezione di tennis, e cosa vuole, eravamo io e l’istruttore, soli, nel silenzio del campo sportivo ormai deserto, al tramonto… che vuole farci, sono tanto vol… com’è la parola, padre?
    – Troia, figliola, troia!
  • C’è una mela e una pera che si vogliono sposare, vanno dal prete e gli comunicano la notizia. Il giorno del matrimonio il prete dice: “tu mela vuoi sposare pera?” e lei: “si” e ancora il prete: “tu pera vuoi sposare mela” e pera dice: “si” e il prete: “vi dichiaro macedonia”.
  • Tra due vecchi amici:
    – “sai che differenza c’è tra te ed un prete?”
    – “quale?”
    – “se un prete fa una scopata fa peccato se la fai tu fai un miracolo!”
  • L’altro giorno ho visto un prete con la tonaca neroazzurra. Era un Inter-prete.
  • Un uomo prima di sposarsi va a confessarsi, dice i peccati e il prete lo perdona allora l’uomo chiede la penitenza e il prete dice: “ma domani ti sposi?” e l’uomo: “si” e il prete: “e allora più penitenza di questa”. 
  • Un giorno un prete cattolico e un rabbino ebreo si incontrano per una cena, che è a base di pesce e carne.
    il rabbino: “scusami, ma io la carne non la posso mangiare”
    il prete: “ehh non sai quello che ti perdi”
    il rabbino: “ah, comunque ti volevo presentare mia moglie. te sei sposato?”
    il prete: “no, non mi posso sposare”
    il rabbino: “ehhhh non sai quello che ti perdi…” 
  • Una signora ha un pappagallo che dice: “vecchia devi morire vecchia devi morire” va dal prete e dice: “prete io ho un pappagallo che dice vecchia devi morire” allora il prete gli dà il suo che dice solo parole di chiesa…va a casa e il suo pappagallo fa: “vecchia devi morire” e quello del prete fa: “ascoltaci signore”. 
  • Ci sono due ragazze che parlano e una dice all’altra: “lo sai, è arrivato un nuovo prete in paese è molto attraente e se in confessionale gli fai ‘peppereppè ho tanta voglia di te’ lui ti fa fare l’amore”. Così questa ragazza arriva in chiesa si mette davanti al confessionale e aspetta il suo turno e quando arriva fa: “peppereppe ho tanta voglia di te” ed il prete aspetta un po e fà: “papparappà il prete che tromba è nel confessionale di là”. 
  • Pierino va dal cartolaio e si compra le figurine delle donne nude, tornato a casa la mamma gli dice: “ma cosa ti sei comprato? ora devi andare a confessarti”. Pierino l’indomani mattina va dal prete per confessarsi e gli dice che si era comprato le figurine delle donne nude e il prete gli risponde: “fammele vedere” e il prete le guarda e dice: “ce l’ho, ce l’ho, mi manca!”. 
  • C’è una signora che va a confessarsi e dice al prete: “è arrivato l’idraulico e a furia di passargli il tubo ecc abbiamo fatto l’amore…sa sono sono volatile!!” e il prete: “vorrà dire volubile” e la donna: “si, poi è arrivato l’elettricista e abbiamo fatto l’amore e..e..e..io sono..come si dice quella parola?!” e il prete: “puttana, signora, puttana!”. 
  • Un giorno un signore va a confessarsi e dice al prete: “volevo chiedere a Dio di perdonarmi per aver salvato Berlusconi mentre stava annegando” allora il prete gli sputa in un occhio e dice: “ci sono peccati talmente grandi che nemmeno Dio può perdonarli!”