Frasi di Gomorra

Iscriviti al mio canale Youtube
Seguimi sulla mia Fanpage

frasi di gomorraNell’articolo di oggi andremo a vedere alcune frasi di Gomorra.

Il post di oggi renderà felici tutti gli appassionati di film di camorra, in particolar modo della nota serie ”Gomorra”.

Gomorra è ispirato al famoso best seller di Roberto Saviano ed è ambientato a Napoli, precisamente a Secondigliano. Parla del clan camorristico Savastano e delle vicissitudini della famiglia e degli uomini fidati, come Ciro Di Marzio, soprannominato ”l’immortale”.

La serie ha avuto molto successo, tanto da aver raggiunto gli Stati Uniti e altri 170 paesi.

Nel paragrafo che segue abbiamo messo insieme per voi le frasi più famose di sempre pronunciate dai protagonisti di questa amatissima serie e non vediamo l’ora di presentarvele.

Dopo questa breve introduzione, non ci resta che lasciarvi alla nostra raccolta di

Frasi di Gomorra

  • Quando u pastor non ci sta, e pecore se ne vann tutte pe i fatti suoi!
  • Agg’ campato tutta ‘a vita mia c’a morte vicino a mme! Nun tengo paura ‘e muri’!
  • Oggi è nu grande juorno. Amm’ battezzat’ n’alleanza nova. Addo’ se pigliano ‘e decisioni assieme. Je accatto ‘a robb’ pe tutt’quant’ ma ognuno è ‘o rre a casa soja. Amm’ fatto gli Stati Uniti di Scampia-Secongliano.
  • A vuo’ sape’ ‘a verità, nennè? ‘E femmene nun so’ fatte pe’ fa’ ‘e mugliere. È un mestiere difficile assaje, ma c’o fanno ‘mpara’. E che ti credi, che nun me fosse piaciuto pure a mme, a me fa’ ‘na vita mia, ‘e cazze mie? Io so’ sempe stata ‘na femmena libbera, ma a forza ‘e carocchie m’hanno fatto cala’ ‘e ‘scelle: a finale so’ stata ‘na brava mugliera e ‘na buona mamma. Puo’ impara’ pure tu. Marine’, ce sta sultanto ‘na manera pe’ ‘na femmena si o vero vo’ essere libera: nun adda tene’ nisciuno marito.
  • Songhe ‘e sorde ca fanno l’ommo onesto!
  • La guerra non la vince chi spara per primo ma chi sa aspettare.
  • Guagliù! Je nunn’aggio fatto ‘o pazzo tutto ‘stu tiempo pe’ me fa piglia’ o pe’ me fa spara’. Je mo me n’aggi’ ‘a i’ a cca… ma a Napule, da chisto momento vuje site l’uocchie… ‘e mmane… ‘o core… e ‘a rabbia mia! E ve pozzo assicura’ ‘na cosa: ce ripigliammo tutto chillo ch’era ‘o nuostro!
  • Salvatore nun beve, nun fuma e nun fa’ ammore: le piace a fa ‘a penitenza.
  • I teng a guerr n’capa ma iss ten a capa pa guerr.
  • ‘Na iena è meglio! ‘A pantera è bella assaje, ma nun conta ‘nu cazzo! Invece ‘mmiezz’ ê jene a cummanna’ song’ ‘e femmene!
  • Pecché je penso ca chi cumanna nun s’adda maje scurda’ ‘na cosa: ‘o potere sujo sta dint’ê mmane ‘e chille ca stanno sotto a isso.
  • L’ommo che po’ fa ammen’ e’ tutt’ cos’, nun tene paur e’ niente.
  • O saje chi song ij? Ij so Scianel.. o saje pecchè m chiamm’n accussì? Pecchè ne capisc assaj’e e prufum: e tu puzz già e muort.
  • Saje che sî tu? N’anima bbona ch’è caduta dinto a ‘na capa storta!
  • ‘O sango se mastica ma nun se sputa, Patri’. Si Gennaro nunn’era figlio a mme, era già muorto!
  • ‘A democrazia nun funziona pecché ‘e cane se mangiano tra di loro si nun ce sta ‘o bastone.
  • O terremot è vuler e Dio, fa bene alla terra.
  • Pe’ fa ‘a guerra l’esercito ha da essere unito e pe’ essere unito ‘e surdate hanno essere cuntente.
  • Je ‘o saccio che state penzanno! Voi dividete il mondo in quelli che non uccidono e in quelli che uccidono, e vi pensate che siccome io sono una femmina appartengo alla prima categoria, e ve sbagliate.
  • Quando mio figlio era criaturo, o’ purtav semp o’ zoo a verè e’ scimmie. E iss me ricev: ”Papà, ma comm’ è possibile, che degli animali accussì sciem’ vogliono fare quello che fanno i cristiani? Le scimmie so’ belle quando fanno quello che dice il padrone, perchè quando vogliono fare quello che vogliono loro, S’ANNA ABBATTERE”.
  • Quanno Lelluccio s’è ‘nnamurato ‘e te, m’ha purtato dint’ô ristorante do’ faticave tu, pecché vuleve ca te canuscesse. ‘O ssaje c’aggio pensato ‘a primma vota ca t’aggio vista? “Chesta è propio ‘na cammarera!” Ma me so stata zitta pe’ rispetto a isso. Anze aggio ditto accussì: “Me piace!” Nunn’era ‘o vero. Sulo ‘na cammarera comm’a te puteva pensa’… ‘e ce mettere ‘e corna a chillo principe dô figlio mio cu chill’omme ‘e mmerda. E mo’ comm’a mettimmo nomme, eh? Comme l’accunciammo ‘stu fatto, ah Marine’? Comme l’accunciammo ca tutte quante sanno ca figliemo tene ‘e ccorna? Hm? Aggio aspetta’ ca Lelluccio esce e amm’ ‘a decidere che n’amm’ ‘a fa ‘e te!
  • Bevilo! Tutto! Famme capi’ se me pozz’ fida’ e te! Se si’ sul’ un’ ca racconta strunzat’ o se mio figlio e i miei affari ‘e pozz’ mettere ‘mman’ a te!
  • Sti cazze ‘e russe: stanne chine ‘e sorde e cattiveria… e se penzano ca basta chello pe’ cumanna’… e se penzano malamente, ce vo’ chesto! (indicandosi la testa) Tengono ancora ‘nu sacco ‘e strada ‘a fa’.
  • O scialatiello ‘o ssai comme se fa? Cu ‘e frutt’ ‘e mare… e po’ ce vo’ ‘o cucchiaro.
  • A guerra nun ‘a vince chi è chiù forte, ‘a vince chi è chiù brav’ a aspetta’. E chest’ nisciuno lo sap’ fa meglio di noi femmine!
  • Vien’accà! Vien’ a te piglia’ ‘o perdono! Vien’accà! È tutt’ appost piccirill’! Tutt’ appost! È fernut’ tutt’ cos’!
  • Conte: C’e mai penzat’ Cirù? ‘O serpent, sta semp’ c’a Maronn… e maie cu Gesù. Sul ess’ sape chell ca s’adda fa’: c’o per, ‘o ten ferm n’terr… senza bisogno r’o scamazzà. E pur’i vulev fa’ accussì cu te, ma i nun song’ a Maronn, però…
  • E muort’ so assaje : tutt e muort ca m’aggj lasciat aret e spall’ …me ven’n a cercà ‘a notte, allucc’n, nun me rann pace. Pe ‘cchest ca ij nun pozz accir’r cchiù : chest è a differenz’ tra iss e me…
  • Ci riprendiamo tutto quello che è nostro.
  • Vien’t a piglia o perdon.
  • Chi ha la fede non è mai solo!
  • Guaglio sta senz pensier.
  • Omm e merd, t facc pentì e essr nat.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *