Come rispondere agli insulti

come-rispondere-agli-insultiEcco a voi una serie di frasi su come rispondere agli insulti.

Vi siete mai chiesti, in una “battle” a colpi di insulti, cosa fare per rispondere in maniera efficiente? Beh, per rispondere agli insulti è necessario usufruire degli insulti stessi o, all’occorrenza, del silenzio. Se siete stati insultati e volete vendicarvi, la maniera migliore è rispondere a tono; abbiamo pensato, per questa situazione, di fornirvi una raccolta di insulti veramente ad effetto che, siamo certi, riuscirà a darvi soddisfazioni.

Certamente alcuni sono un po’ cattivi, altri meno, ma sta a voi scegliere, in base all’entità e gravità della situazione, quale adoperare. Una cosa è certa: ce n’è per tutti i gusti e situazioni, dunque non temete. Munitevi di pazienza e scegliere l’offesa che fa al caso vostro. Scopriamo insieme

Come rispondere agli insulti

  • Sei così spaventoso che quando caghi la tua stessa merda dice di fotterti.
  • Se ti do un calcio nel culo perdo la scarpa.
  • Merda è quella cosa che ti ritrovi in quella scatola che ostinatamente continui a chiamare testa.
  • Sei così brutto che sembri un capolavoro d’arte moderna.
  • Sei talmente brutto che se ti avvicini a un computer, si accende la schermata dell’antivirus.
  • Sei così brutto che quando t’ha visto il grande puffo è diventato giallo!
  • E’ uscito meglio Pinocchio con una sega che te con una scopata.
  • Sei così stronzo che sudi merda!
  • Non sprecare tempo a cercare le parole per giustificare la tua ignoranza: accettati! Noi ti abbiamo già classificato.
  • Hai così tante corna che se piovono taralli non ne cade a terra nemmeno uno.
  • Darti dello stupido è oltraggiare gli stupidi, perciò per offenderti è urgente coniare una nuova parola.
  • Le pause tra i tuoi discorsi sono le cose più interessanti che dici.
  • Sei così brutto che quando sei nato tua mamma ha inviato i biglietti di scuse a tutti.
  • Tu non sei un uomo. Sei una figura mitologica con il corpo di uomo e la testa di cazzo.
  • Le tue gambe sono così pelose che per farti la ceretta devi affittare un tagliaerba.
  • Ciao, ti ricordi che bello, quando eravamo piccoli, viaggiavamo in treno, io mettevo il culo fuori dal finestrino e tu la faccia e tutti ci credevano gemelli?
  • Ami la natura? Anche dopo lo scherzo che ti ha fatto?
  • Quando ti guardo negli occhi, mi rendo conto che è più facile parlare ad una trota lessa nel piatto che cercare di farti capire anche il più elementare dei concetti.
  • Sei cosi stupido che a volte mi domando se eri assente alla consegna dei cervelli.
  • Mi presti la tua faccia che devo fare una figura di merda?
  • Sei così sfigato, ma così sfigato, che se fai una gara di sfigati, arrivi secondo perché sei sfigato.
  • Domani è la giornata mondiale per la raccolta dei rifiuti. Fai del bene. Salva l’ambiente. Fatti trovare vicino ad un cassonetto.
  • Sei talmente orribile che fai concorrenza a Marylin Manson.
  • Fai così schifo che quando ti guardi allo specchio lui si gira dall’altra parte!
  • Io non capisco se sei cretino di tuo oppure ci hai studiato per esserlo.
  • Sei così grasso che faccio prima a saltarti che a girarti in torno.
  • Se la bruttezza facesse bandiera a casa tua sarebbe sempre festa nazionale.
  • C’hai una panza che se te vede Mazinga ce parcheggia l’astronave.
  • Sono solo le piccole cose che mi danno fastidio di te: il tuo cervello per esempio.
  • La polizia ha trovato un corpo carbonizzato senza cervello e con un uccello piccolissimo. Per favore mandami un sms e dimmi che stai bene.
  • Dall’alito sembra che ti si sia arenato il cadavere di un’orca in gola.
  • Sei così grasso che dovunque guardo stai già là.
  • Se tutte le donne che ragionano sono come te, meglio nascere acefala.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *