Modi di dire salentini

modi di dire salentiniOggi andremo a vedere insieme una serie di modi di dire salentini.

Per conoscere a 360 gradi una lingua, non bisogna solamente studiarne la grammatica o il lessico, ma è necessario anche approfondire quelli che sono i suoi modi di dire.

Conoscere questa tipologia di frasi significa non trovarsi impreparati davanti ad un parlante che le pronuncia. Ecco perché abbiamo deciso di dedicare il nostro articolo a quelli che sono i modi di dire di uno dei posti più belli del nostro paese: il salento.

Abbiamo preparato per voi una lista che vi farà venire voglia di recarvi nei posti della meravigliosa Puglia solo per il gusto di mostrare a tutti quanto siete preparati sui loro modi di dire.

Vi lasciamo alla nostra raccolta di

Modi di dire salentini

  • Sai addù nasci e nù ssai addù mueri – Sai dove nasci e non sai dove muori.
  • Lu scopu te la guerra ete la pace, Cussì futte lu munnu ci la face – Lo scopo della guerra è la pace, così imbroglia il mondo chi la fa.
  • Ci manci cipuddhra te vene la uce – Se mangi cipolla ti torna la voce.
  • Lu pane cchiù è sudatu e cchiù bbinchia – Il pane più è sudato e più sazia.
  • Addù servenu li fatti nù bastanu le parole – Dove servono i fatti non bastano le parole.
  • Ci cangia ddefrisca – Chi cambia sta meglio.
  • Ci uei l’amicizia cu mantègna nù panaru cu bbae e unu cu bbegna – Se vuoi mantenere l’amicizia un paniere deve andare e un paniere deve tornare.
  • Ci vuè canusci li pene ti l’infiernu, a fare tre misi e mienzu ti trappitu. La prima notte piersi lu suennu,  la seconda lu suennu e l’appetitu. La terza notte me finsi malatu, patrunu fatia tie allu trappitu. – Se vuoi conoscere le pene dell’inferno, devi fare tre mesi e mezzo nel frantoio.
    La prima notte persi il sonno,  la seconda il sonno e l’appetito.
    La terza notte mi finsi malato, padrone, vai a lavorare tu al frantoio.
  • La malerba crisce sempre – L’erba cattiva cresce sempre.
  • Senza Santi, nu sse ae am Paraisu – Senza l’aiuto di un Santo, non si va in Paradiso.
  • Amore, tosse e rugna, nù sse potenu scunnere – Amore, tosse e rogna, non si possono nascondere.
  •  Lu bbusciardu à ttenìre bbona memoria – Il bugiardo deve avere una buona memoria.
  • Lettu, fimmene e focu nù sse ccunttentanu mai de pocu – Letto, donne e fuoco non si accontentano mai di poco.
  • Ci tene, e dàe, am Paraisu ae – Chi ha del suo e dà va in Paradiso.
  • Lu tirchiu è comu lu puercu; è buenu dopu muertu – L’avaro è come il maiale; è buono dopo morto.
  • Mpara l’arte e mintila de parte – Impara l’arte e mettila da parte.
  • Nu fare mai lu passu cchiù lengu de l’anca toa – Non fare mai il passo più lungo della tua gamba.
  • Ognetunu à fare l’arte soa – Ognuno deve fare il suo mestiere.
  • Ci time l’amore, time la vita – Chi ha paura dell’amore, ha paura della vita.
  • Nù tte mpicciare, nù tte ntricàre, nù fare bene ca trovi male – Non t’impicciare, non ti preoccupare, non fare bene che trovi male.
  • Quannu lu diàulu te ncarizza l’anima nne ole – Quando il diavolo ti accarezza vuole l’anima.
  • A stu mundu nu nde ai nienti se nu llu tiri cu lli tienti – In questo mondo non hai niente se non lo tiri con i denti.
  • Lu nnamuratu se caunsce de l’ecchi, lu muertu de fame de lu ssegnuttu – L’innamorato si conosce dagli occhi, il morto di fame dal singhiozzo.
  • Ci time le spine nù pòte amare le rose – Chi ha paura delle spine non può amare le rose.
  • Mancia finucchi cu te aumenta lu latte – Per far aumentare il latte materno magia finocchi.
  • Ou te caddhrina e vinu te cantina su la meju medicina – Uovo di gallina e vino di cantina son la migliore medicina.
  • Lu brodu allu malatu e lu ciciru allu rumatu – Il brodo al malato ed i ceci quale concime.
  • Ci te manci lu pane ncocculutu cacci li denti te oru – Se mangi il pane ammuffito i denti diventano d’oro.
  • Finca a quannu li peti vannu te passa lu malannu – Fino a quando riesci a camminare ti passano tutti i malanni.
  • A cucuzza prima te unchia e poi te tuzza e se nu la conzi bona prima te tuzza e poi te sona – La zucca prima ti gonfia e poi ti bussa, e se non la condisci per bene prima ti bussa e poi ti suona.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *