Modi di dire pugliesi

modi-di-dire-pugliesiEcco una lista di modi di dire pugliesi.

La Puglia è una regione bellissima, terra di numerosi luoghi incantevoli e meta turistica che attira ogni anno, soprattutto d’estate, migliaia di turisti. Ciò che attrae maggiormente scie e scie di persone è certamente il mare, ma la Puglia tutta nasconde tantissimi luoghi bellissimi e affascinanti che meritano di essere visitati. Se state pianificando un viaggio in Puglia, questo articolo fa al caso vostro: abbiamo raggruppato in questo post tutti i modi di dire più conosciuti ed utilizzati in Puglia, così che possiate memorizzarli e utilizzarli in terra pugliese. La traduzione che troverete accanto vi aiuterà nella comprensione.

Non ci resta che presentarvi, dunque, la nostra raccolta di

Modi di dire pugliesi

  • Pure le pùdece tènene la tosse = pure le pulci hanno la tosse (anche chi non può permetterselo, si permette di sentenziare);
  • L’oiu te ulia lu male porta via = l’olio d’oliva porta via tutti i mali;
  • Bivite lu mieru cautu ca te passa a tosse = per far passare la tosse bevi vino caldo;
  • Ci cangia ddefrisca = chi cambia sta meglio;
  • Sai addù nasci e nù ssai addù mueri = sai dove nasci e non sai dove muori;
  • Ou te caddhrina e vinu te cantina su la meju medicina = uovo di gallina e vino di cantina son la migliore medicina;
  • Ci ta Caremma nu fila, te pasca nu minte la tila = chi di quaresima non tesse, di pasqua non mette il vestito;
  • Se non voi corne, no te sposare cu serve de preti e fije de mulinare = se non vuoi avere corna, non ti sposare con serve di preti e figlie di mulinare;
  • Lu bbusciardu à ttenìre bbona memoria = il bugiardo deve avere una buona memoria;
  • A ci sparte la cchiù fessa parte = chi divide qualcosa gli toccherà la parte più misera;
  • Natale ssuttu, Pasca mujusa = Natale asciutto, Pasqua melmosa;
  • Lu pane cchiù è sudatu e cchiù bbinchia = il pane più è sudato e più sazia;
  • Te santu Martinu ogni mustu diventa vinu = a San Martino ogni mosto diventa vino;
  • Mpara l’arte e mintila de parte = Impara l’arte e mettila da parte;
  • Ci manci cipuddhra te vene la uce = se mangi cipolla ti viene la voce;
  • Cannilora trubba, mese chiaru = candelora torbida, mese limpido;
  • Addò no ssi chiammatu, comu ciucciu si trattatu = dove non sei richiesto, come un asino sarai trattato;
  • A casa brushàta, mintici focu = alla casa bruciata, ri-appicca il fuoco;
  • Ci cchiù tene, cchiù bbole = chi più ha, più vuole;
  • Lu nnamuratu se caunsce de l’ecchi, lu muertu de fame de lu ssegnuttu = l’innamorato si conosce dagli occhi, il morto di fame dal singhiozzo;
  • Doppu tre troni ‘rria l’acqua, dopo tre pìriti ‘rria la cacca = dopo tre tuoni piove, dopo tre scorregge si fa la cacca;
  • L’amori no si ccatta allu marcatu = l’amore non si compra al mercato;
  • Mena la petra e scundi la manu = butta la pietra e nascondi la mano;
  • N’ha fritti purpi! = ne ha fritti polpi! (si dice di una ragazza di facili costumi);
  • Face cchiu meraculi na utte de mieru ca na chiesa china de santi = fa più miracoli una botte di vino che una chiesa piena di santi;
  • Lu bbinchiatu nu crite allu disciunu = il sazio non crede al digiuno;
  • Tutti li giurni falli cu ci hoi, l’urtimi giurni falli culli toi = tutti i giorni falli con chi vuoi, gli ultimi falli con i tuoi;
  • Senza Santi, nu sse ae am Paraisu = senza l’aiuto di un Santo, non si va in Paradiso;
  • Addù servenu li fatti nù bastanu le parole = dove servono i fatti non bastano le parole;
  • Cielu stellatu, disciunu passatu = cielo stellato, digiuno passato;
  • Amore, tosse e rugna, nù sse potenu scunnere = amore, tosse e rogna, non si possono nascondere;
  • Pé tre caddhri te sale se perde a minescia = per tre pizzichi di sale si perde la minestra;
  • Nu fare mai lu passu cchiù lengu de l’anca toa = non fare mai il passo più lungo della tua gamba;
  • Ci mangia sulu se ‘nfuca = chi mangia solo si affoga;
  • Ci nasce ciucciu nu pote murire cavaddhru = chi nasce asino non potrà morire cavallo;
  • La iaddrhina face l’ueu… e allu iaddrhu ni usca lu culu = la gallina fa l’uovo e al gallo gli fa male il sedere.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *