Insulti e parolacce in sardo

parolacce-insulti-sardoEcco una lista di insulti e parolacce in sardo.

Ci risiamo: il dialetto rafforza il concetto, e questo vale anche per il simpaticissimo e non affatto semplice dialetto sardo. Il sardo, più che un dialetto, rappresenta una lingua a sé stante, in quanto comprende una varietà di termini che si differenziano enormemente dalla lingua italiana. Come gli altri dialetti e lingue, anche il sardo ha il suo bel bagaglio di parolacce e insulti… e che insulti! Come vedrete, vi sono dei termini ed espressioni, talvolta impronunciabili per chi non conosce il dialetto, veramente molto pesanti ed offensivi, ma se siete su questa pagina siete proprio alla ricerca di questo, no?! Noi vi abbiamo accontentato! Scopriamo insieme la nostra rassegna di

Insulti e parolacce in sardo

  •  Coddaproccusu = colui che suole avere rapporti sessuali con i suini;
  • Sugunnemamarua bagassa, babbu ruu curruru e caghineri coddau in culu e in paneri de su figllu de su panettieri = la figa di tua mamma bagassa e tuo padre finocchio inculato dal figlio del panettiere!
  • A balla chi ti occana = fatti fucilare (espressione di disappunto);
  • Cravadinci in su cunnu! = inserisciti con forza nell’apparato genitale femminile;
  • Abbaerau = sciocco;
  • Codda prangendi = colui/lei che emette suoni simili al pianto mentre ha dei rapporti sessuali;
  • Abbettiosu = testardo, che ha sempre da ridire su tutti e tutto;
  • Abbrabbabau = rintontito, addormentato, incantato;
  • Minc’ e cuaddu ti Currada! = che il pene di equino ti perseguiti;
  • Abbuerau = impedito, incompetente in qualcosa;
  • Abburradu = rozzo, sporco, viscido, persona grezza;
  • Minc’e cuaddu ti coddidi = che il pene di equino abbia un rapporto sessuale di natura violenta con te;
  • Su cunnu chi t’indi adi azzappuau = la figa ti ha messo al mondo, sbattuto con violenza;
  • Paciociu = figa;
  • Su calloni = coglione;
  • Sa callona = cogliona;
  • Sa egua = troia;
  • Sa bagassa = puttana;
  • Su cazzu = il cazzo;
  • Su cunnu/su pillittu = la figa;
  •  T’inci fazzu torrai in su cunnu! = faccio in modo che tu ritorna nell’apparato riproduttivo di tua madre;
  • Su cunnu e mamma rua! = la figa di tua madre;
  • Sa minca = la minchia;
  • Abububù = persona grezza convinta, però, di essere alla moda;
  • Su culu/su paneri = il culo;
  • Arrogh’e merda = pezzo di merda;
  • Su scimpru = lo scemo;
  • Su cunnu chi ta cuddau a sorri tua baggassa impestara luride e’merda! = la figa che ti ha partorito a te e a tua sorella impestata lurida di merda;
  • Abramìto/abramìu = spilorcio, avido, o voglioso;
  • Taccappiu i spius de concas ai spius de cullu, bruttu calloni ca non ses atru = ti lego i capelli della testa ai peli del culo, brutto coglione che non sei altro;
  • Abburresciu = ingordo, che non si sazia mai. Il termine è utilizzato anche per intendere una persona ubriaca fradicia o qualcuno eccitato sessualmente;
  • Abuddàu = eccessivamente sbronzo;
  • Accagacciau = scoglionato, svogliato;
  • Su cunnu chi ti ndà cagau/bogau = letteralmente “la figa che ti ha cagato/espulso”. Maledizione nei confronti della figa che ti ha espulso, che ti ha fatto nascere, ovvero la propria madre;
  • Accaddiccare = trombare, scopare;
  • Accaghinàu = uomo con evidenti tratti effemminati;
  • Accallonàu = addormentato, rincoglionito;
  • Accallelàu = pirla;
  • Arrò dù cò = che un accidente lo fotta, che gli capiti qualcosa di spiacevole. Si usa anche in tono scherzoso per manifestare stupore;
  • Burricu = asino (stupido);
  • Aliga = immondizia;
  • Aliertu = stupido;
  • Affancullu = vaffanculo;
  • Affrosciau = frocio, omosessuale. Usato in maniera dispregiativa;
  • Alitudemottu = alito di morto, forte alitosi;
  • Affroscillonàu/ allacanau = appassito, rinsecchito;
  • Mi coddu cussa brutta bagass’e mamma/sorri/zia rua = mi fotto quella brutta puttana di tua madre/sorella/zia;
  • Arrettu che caddu/che canni = eccitato sessualmente al pari di un cavallo o di un cane;
  • Arroghe tontu = stupido, tonto;
  • Accattòni = scroccone, persona che vive degli scarti altrui;
  • Accolondrau = malridotto, persona messa male;
  • Accavurau = poco sveglio, poltrone, rincoglionito;
  • Baccagai = vai a cagare;
  • Ammalloràu = pieno di caccole, con significato di “confuso”;
  • Arreddeddu = cazzo piccolo;
  • Ma poitta no ti ndi andasa a cagai/a fanculu? = ma perché non te ne vai a cagare/a fanculo?;
  • Ti pighiri sa motti pillosa = ti colpisca la morte pelosa (bestemmia);
  • Arrozzàu = limitato mentalmente;
  • Arrungia = rogna;
  • Astuccaruggiude = attaccati al cazzo;
  • Ascameddu = schifoso;
  • Azzura/u = avido, attaccato alle cose materiali;
  • Azzisolgiu = maiale in età adolescenziale;
  • Azziccadu = avaro.
Comments
  1. Marco
  2. Maria giovanna Angioni

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *