Insulti e parolacce in piemontese

insulti e parolacce in piemonteseIn questo post troverete insulti e parolacce in piemontese.

I dialetti presenti nel nostro paese sono veramente tantissimi e ve lo abbiamo dimostrato dedicando ad alcuni di questi certuni dei nostri articoli. Oggi è il turno del piemontese, lingua parlata, oltre che nella regione da cui prende il nome, anche in Valle D’Aosta e in alcuni paesi della Francia, per via dell’emigrazione di alcune comunità piemontesi. Nell’articolo di oggi non andremo a darvi lezioni sul piemontese in generale, ma vi mostreremo quelli che sono gli insulti e le parolacce più utilizzate in questa regione italiana. Come nostro solito, vi suggeriamo di non pronunciare le offese alla prima persona che vi capiterà davanti, onde evitare litigi e discussioni inutili. A questo punto non ci resta che lasciarvi alla nostra rassegna di

Insulti e parolacce in piemontese

  • Fòl = Stupido;
  • Iturdì = Rincoglionito;
  • Embecil = Imbecille;
  • Merdu! = Merda!
  • Bërlichin = Lecchino;
  • Cagon = Cagasotto, fifone;
  • Va dé via ‘l cul = Vai a quel paese, vaffanculo;
  • Va a caghè = Vatti a nascondere, vattene via, vai a cagare;
  • Ancütì = Zoticone, ritardato;
  • Piciu = Cazzone, testa di cazzo, pene, cretino;
  • Facia ‘d tòla = Faccia di bronzo, faccia tosta;
  • Betè = Ebete;
  • Fafioché = Letteralmente ”fa nevicare” ed è un modo per descrivere una persona che parla tanto e non conclude niente.
  • Baròt = Villano, campagnolo;
  • Tabaleuri = Scema/o;
  • Turlupupu = Sciocco, folle, pazzo;
  • Bacioc = Sgorbio;
  • Gadan = Fannullone;
  • Articiòch = Tipo da poco, carciofo;
  • Babion-a = Rospona, persona brutta;
  • Bagassa = Donna sfacciata;
  • Bandamòla = Incapace, buono a nulla;
  • Bërlicafojòt = Ghiottone;
  • Bërlon = Stronzo;
  • Beté = Stupido;
  • Bocin = Senza cervello, vitello;
  • Brissòch = Ottuso, persona che non capisce nulla;
  • Brut coma la neuit = Modo di dire che significa letteralmente ”Brutto come la notte” / Bruttissimo;
  • Ciampòrgna = Pettegola, cialtrona;
  • Ciòspa = Donna brutta, rospona;
  • Coto = Ritardato mentale;
  • Cupio = Omosessuale, gay;
  • Fabiòch = Stupidino;
  • Vatlu pien’tal cul = Vai a prenderlo nel culo;
  • Gadan! = Babbeo!
  • Va a spané ‘d melia = Vai a quel paese;
  • Gasepio = Persona di poco conto;
  • Giacofomna = Effeminato, gay;
  • Lavativ = Scansafatiche, lavativo;
  • Vaca = Prostituta, puttana, donna di facili costumi;
  • Lumasson = Viscido;
  • Magnin = Persona sporca;
  • Vate a caté ‘n casul = Vai a quel paese;
  • Maraja = Marmaglia, persona incivile;
  • Masca! = Sei brutta da far paura!
  • Meredos = Merdoso, schifoso;
  • Ocon = Sciocco;
  • Pepia = Acido, pignolo;
  • Pitòch = Persona tirchia;
  • Salòp = Persona sporca, sporcaccione;
  • Sbrinciacioende = Persona capace solo ad orinare;
  • Stassi = Fessacchiotto;
  • Testa ‘d còj = Persona con poco cervello, testa di cazzo;
  • Toton! = Zitella!
  • Vatla pijé ant ël cul = Vai a quel paese;
  • Tròja = Prostituta, puttana;
  • Cujun = Coglione;
  • Fafiuké = Svogliato, deficiente;
  • Bastard! = Bastardo;
  • Asu = Asino;
  • Tüpin = Cocciuto, stupido;
  • Fulatun = Stupidone;
  • Fulatrun = Rimbambito;
  • Badalüc = Stupido;
  • Patelavache = Persona grezza e priva di classe;
  • Blagor = Persona che si da delle arie inutilmente;
  • Savata = Persona che non vale niente;
  • Terùna = Terrona, persona del sud (in senso dispregiativo);
  • Fulatùn = Scemo elevato alla massima potenza;
  • Fol finì = Scemo finito, completo;
  • ‘Mbranà = Imbranato;
  • Masuéra = Volgare, grossolana, trasandata;
  • Badòlu, badulü = Handicappato mentale;
  • Cùtu = Persona dotata di pochezza mentale;
  • Cuntabàle = Persona che racconta solo cavolate;
  • Balìsta = Ciarlatano, pallista;
  • Berlìca cül = Leccaculo;
  • Tardòc = Fesso;
  • Sös ‘n merlu = Letteralmente ”Sei un merlo”. Se la persona è presente, non è proprio un complimento, ma si avvicina all’insulto. Si usa per sottolineare la pochezza mentale della persona;
  • Crìn catòlic = Letteralmente ”Maiale cattolico”. Sta ad indicare la tendenza di una persona ad essere ”crìna” pur nascondendosi dietro atteggiamenti da buon cristiano;
  • Purcaciùn = Lurido maiale.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *