Frasi napoletane

frasi napoletaneIn questo articolo troverete una serie di frasi napoletane.

Tra tutti i dialetti del nostro paese, il napoletano è sicuramente uno dei più originali e più simpatici. Possiede dei modi di dire veramente incredibili, un vocabolario particolarmente ricco e, cosa più importante, è maledettamente spontaneo.

Nel paragrafo che segue troverete una lista di frasi appartenenti a questo simpatico e divertentissimo dialetto che spazieranno dal generico a tematiche precise, come l’amore, l’amicizia, la famiglia, ma non solo. Abbiamo cercato di inserire quelle più significative e non vediamo l’ora di presentarvele, come sempre!

Tranquilli se non avete dimestichezza con la lingua perché abbiamo inserito la traduzione in italiano di ogni singola frase.

Detto ciò, non ci resta che lasciarvi alla nostra raccolta di

Frasi napoletane

  • L’amico e ‘o vino hanno essere viecchi = Amico e vino devono essere vecchi.
  • ‘A femmena bona, si tentata, resta onesta, nun è stata bona tentata = Se una brava donna resta tale pur se tentata, allora non è stata ben tentata.
  • ‘A bona campana se sente ‘a luntano = La buona campana si sente lontano, ovvero le buone parole hanno efficacia profonda, così il buon esempio, le buone opere, i buoni consigli.
  • ‘A spesa nun vale ‘a ‘mpresa = La spesa non vale l’impresa.
  • Sott’ ‘e coperte nun se canosceno miserie = Quando si è sotto le coperte con una donna si dimentica ogni povertà.
  • Napulitane: larghe ‘e vocca e stritte ‘e mane = Napoletani: larghi di bocca e stretti di mano.
  • ‘E viécchie lle próre ‘o cupiérchio = Ai vecchi prude il sedere, ovvero con la vecchiaia non si spengono le voglie.
  • Chi crede ‘e guadagnà’ perde ‘a mmità = Chi crede di guadagnare, perde la metà, ovvero chi s’illude di fare un affare, s’imbatte in uno più furbo di lui, e perde la metà del capitale.
  • So’ cadute l’anielle, ma so’ restate ‘e ddéte = Sono caduti gli anelli ma sono rimaste le dita, ovvero è venuta d’improvviso la povertà, ma resta ancora la forza di lavorare e la capacità di rifarsi una vita.
  • Quànno ‘o cùlo se fa pesànte ce ne iàmmo p’e sànte = Quando il sedere diventa pesante andiamo dai santi, ovvero verso la fine della vita spesso ci si accosta alla religione.
  • Chi nasce p’a’ forca nun more pe’ mare = Chi nasce per la forca non può morire in mare, ovvero non puoi cambiare il tuo destino.
  • Chi ‘nfruce nun luce = Chi accumula stipando beni non rifulge, ovvero chi pensa solo a conservare il danaro non farà mai una buona figura.
  • A lo ffriere siénte l’addore! A li cunte siénte lo chianto = Al momento di friggere senti l’odore! Al momento di pagare senti i pianti.
  • Pigliate ‘a bona quanno te vene, ca ‘a malamente nun manca maje = Prenditi la buona occasione quando ti capita, perché la cattiva non manca mai.
  • Addo’ magnano duje ponno magnà’ pure tre = Dove ci sono due persone a mangiare c’è cibo sufficiente anche per una terza persona.
  • Si ‘o prestito fosse buono se mprestarria ‘a mugliera = Se il prestito fosse sicuro si impresterebbe la moglie, ovvero è meglio non fare prestiti.
  • Primma ‘e guardà’ ‘nnante, vòtate arèto = Prima di guardare avanti, voltati indietro ovvero anziché aspirare a star meglio, guarda a quelli che stanno peggio di te.
  • Ammore de patrone e vino ‘e fiasco ‘a sera so’ buono e ‘a matina so’ sciacqua = L’amore del padrone e il vino del fiasco: la sera sono buoni e la mattina sono guasti.
  • Chi nun stima lo scuorno nun stima lo corno = Chi non prova vergogna, non conosce neppure il valore dell’onore.
  • Tutto ‘o lassato è perduto = Ogni occasione lasciata è persa.
  • Femmena aggraziata vole essere pregata = Una donna graziosa desidera essere corteggiata.
  • Chella che l’aiza ‘na vota l’aiza sempe = La donna che l’ha fatto una volta, lo farà sempre.
  • ‘A malinconia nun leva ‘e diébbete = La malinconia non toglie il diabete, ovvero quando si è carichi di guai, l’essere tristi non risolve niente, ma anzi toglie ogni capacità di ripresa.
  • Femmene ‘e chiesa, diavule ‘e casa = Donne di chiesa, diavoli in casa.
  • Ogne bella scarpa cu’ ‘o tiempo addiventa scarpone = Ogni bella scarpa col tempo diventa scarpone, ovvero anche le donne più belle diventano brutte e sgraziate.
  • Nu’ sputà ‘ncielo,ca ‘nfaccia te torna = Non sputare in cielo chè ti ricadrà sul volto, ovvero non disprezzare il bene, perché quel disprezzo si ritorcerà contro di te.
  • Chi troppo lo sparagna, vien la gatta e se lo magna = Chi troppo risparmia, viene la gatta e se lo mangia.
  • A gatta, quanno sent’àddore d’o pesce,  maccarune nun ne vò cchiù = La gatta, quando sente l’odore del pesce, non vuole più i maccheroni.
  • È meglio a tene’ ‘a mala spina ca nu malo vicino = È meglio avere una spina nel fianco che un cattivo vicino.
  • Quanno si incudine statte, quanno si martiello vatte = Quando sei incudine statti, quando sei martello batti, ovvero quando hai il coltello per il manico, sappine approfittare; quando sei incudine usa prudenza.
  • Senza ‘e fesse ‘e diritte nun camparriano = Senza i fessi i furbi non camperebbero.
  • D’annore e paraviso ognuno ne vo’ ‘nu poco = Degli onori e paradiso ognuno ne vuole un poco, ovvero di certi beni l’anima umana è particolarmente desiderosa, ad esempio, del paradiso e degli onori.
  • Chi crede ‘e guadagnà’ perde ‘a mmità = Chi crede di guadagnare, perde la metà, ovvero chi s’illude di fare un affare, s’imbatte in uno più furbo di lui, e perde la metà del capitale.
  • ‘A miseria è comme ‘a tosse = La povertà è come la tosse, ovvero la povertà non può nascondersi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *